Secessione e avanguardia, exhibition at GNAM

 

foto: Umberto Boccioni, Idolo Moderno, 1910-11

La mostra “Secessione e Avanguardia” alla Galleria d’Arte Moderna di Roma, in corso e fino al 15 febbraio, ha il lodevole intento di esporre gli artisti italiani attivi prima della I Guerra Mondiale. La mostra è estremamente interessante perché vengono esposte opere della GNAM non sempre visibili. Quello che ritengo più importante è il poter vedere come, anche in Italia, ci fosse in quegli anni un panorama artistico fervido, propositivo e innovativo al pari degli altri paesi europei.

Se infatti è ben noto che in città d’Europa come  Berlino, Monaco, Vienna gruppi di artisti avevano scelto di associarsi nel comune segno della Secessione, la stessa cosa accedeva anche in Italia. Le esigenze di rinnovamento e di apertura internazionale si polarizzano fra il 1908 e il 1914 a Venezia e a Roma, nelle manifestazioni di Ca’ Pesaro e della Secessione Romana, mentre la dirompente novità dei Futuristi, trova una nuova sede espositiva, sempre a Roma, nella Galleria Sprovieri. Ca’ Pesaro e Secessione Romana rappresentano quindi i poli di un’avanguardia ‘moderata’, contrapposta, non senza contraddizioni, all’avanguardia radicale del Futurismo.

Il periodo preso in esame è breve ma così ricco e contrastato da imprimere novità tali da delineare anche le dinamiche artistiche dei decenni successivi. Per questo è ancora più utile studiarlo. Nella mostra si scopriranno artisti come Edoardo Gioja di cui è esposto, per la prima volta, nella prima sala del percorso “L’Italia vittoriosa con la forza e l’intelligenza”, un fregio allegorico composto da quindici pannelli ad olio su tela, realizzato in occasione dell’Esposizione Internazionale del 1911. Non mancano eccellenze italiane come i futuristi Giacomo Balla, di cui si può vedere il bellissimo “Ritratto della madre” e l’intensissimo “Ritratto di Tolstoj”, di Umberto Boccioni il vivissimo “Idolo Moderno”, che è stato preso anche come manifesto della mostra. Artisti unici più che rari come Carlo Bugatti, di cui è esposto un paravento e le sculture di suo fratello Rembrandt Bugatti; il famoso Vir Tempori Acti di Wildt (nel museo sono presenti anche altre sue opere) e di lui anche ben tre disegni preziosissimi; due sono i dipinti di Aroldo Bonzagni di cui un “San Sebastiano” ispirato all’omonimo dramma di d’Annunzio.
Si è voluto affiancare agli italiani anche grandi nomi stranieri come Klimt, Hodler, von Stuck (di lui il famoso “Il Peccato”), Ignacio Zuloaga, Kees van Dongen tutto ciò a dimostrare che quanto succedeva in Italia era in linea e non in ritardo con le altre ricerche artistiche europee.

Secessione e Avanguardia
L’arte in Italia prima della Grande Guerra 1905-1915
31 Ottobre 2014 – 15 Febbraio 2015
GNAM

Per ulteriori informazioni: gnam.beniculturali.it

IMG_5304

Edoardo Gioia, L’Italia vittoriosa con la Forza e l’Intelligenza, 1911

IMG_5306modi

Gino Severini, Autoritratto, 1905

IMG_5314modi

Giacomo Balla, Ritratto di Tolstoj, 1911

IMG_5317modi

Duilio Cambellotti, La fonte della palude, 1912-13

IMG_5318modi

Adolfo Wildt, Vir Temporis Acti, 1914

IMG_5323modi

Giovanni Segantini, L’amore alla fonte della vita, 1899

IMG_5326modi

Carlo Bugatti, Paravento, 1902-5

IMG_5308modi

La Casa dell’Arte a Firenze
Decorazioni di Galileo Chini con mobili di Tofanari & Fioravanti

IMG_5309modi

IMG_5311modi

IMG_5312modi

IMG_5327modi

Aroldo Bonzagni, San Sebastiano 1912

IMG_5330modi

Aroldo Bonzagni, Moti del ventre, 1912

IMG_5353

Adolfo Wildt, L’Ombra, 1914

IMG_5354

Adolfo Wildt, Amen, 1913

IMG_5355

Adolfo Wildt, I puri, 1914

IMG_5335modi

Guido Marussing, Il laghetto dei salici, 1909

IMG_5336mod

Elisabetta Chaplin

IMG_5337modi

Elisabetta Chaplin, Ritratto di famiglia in un interno, 1910

IMG_5341modi

Camillo Innocenti, In ritardo, 1910

IMG_5343modi

Hans Stoltenberg Lerche, Lo spirito (sonnambula), 1913

IMG_5347modi

Felice Casorati, Maschera nera e Maschera rossa, 1914

IMG_5345modi

Lorenzo Viani, Moglie di marinaio, 1912-13

IMG_5346modi

Felice Casorati, Ragazzino


The main author, creator and editor in chief of the blog.

Share this Article!

Contribuisci alla discussione, scrivendo il tuo Commento.