Cimitero Monumentale, Milano

Il Cimitero Monumentale di Milano è un museo a cielo aperto. Dopo aver percorso Milano in cerca di reminiscenze liberty, il Monumentale non poteva mancare. Basti dire che questo è il luogo in cui si possono trovare, a poca distanza tra di loro, opere di Adolfo Wildt, Giulio Ulisse Arata, Lodovico Pogliaghi, Leonardo Bistolfi, Enrico Butti, Giovanni Battista Bossi e altri grandi protagonisti del liberty milanese. Le grandi tombe sono piccoli monumenti che le ricche famiglie si facevano costruire per mostrare in modo inequivocabile il loro benessere economico. Roboanti nello stile e abbondanti nelle decorazioni, miste nei richiami dal moresco all’egizio, queste tombe mirano tutte a distinguersi, fanno a gara nel farsi vedere.

Alcune sono davvero belle: toccante è quella di Isabella Casati, venuta a mancare a soli 24 anni. E’ rappresentata sul letto di morte, ritratta come una bella addormentata con una croce sul petto e il pannello alle sue spalle rappresenta un sogno che la rapisce e in cui lo scultore, Enrico Butti, raffigura schiere di angeli in rilievo.
Colpisce la testa di Medusa della tomba di Umberto Fabè, un giovane pilota d’aereo che morì in un incidente a soli 24 anni. La sua famiglia decise di dedicargli questa tomba realizzata da Enrico Pancera che rappresentò un nudo maschile nell’atto di spiccare il volo attaccato a un’elica, ma afferrato dai tentacoli di una Medusa che cerca di trattenerlo. D’annunzio scrisse per lui i versi incisi sul basamento “Non cola ma vola/ Non cade ma s’alza”.
Bellissima la delicatezza della tomba Toscanini, scolpita da Bistolfi in marmo di Carrara. Il Maestro la fece realizzare nel 1906 quando, mentre era a New York, gli morì Giorgio, uno dei suoi 4 figli, di appena 5 anni. Toscanini si rifiutò di continuare il suo tour e tornò a Milano dove decise di commissionare quest’opera per accogliere le spoglie del figlio. Sul lato anteriore è raffigurata una barca, che può essere interpretata come simbolo del viaggio dopo la morte o del viaggio intrapreso per tornare in Italia dall’America. La barca a sua volta è affiancata da due figure che rappresentano l’Italia e gli Stati Uniti. Sui due lati si trovano immagini di giochi di infanzia e simboli della nascita. Le incisioni sul retro simboleggiano invece il dolore per la perdita del giovane figlio.

Accanto a queste tombe ci sono mille piccoli dettagli che si scoprono solo passeggiando, si possono incontrare così le tombe di Giuseppe Sommaruga, Arrigo e Camillo Boito, Emilio Treves, Arturo Toscanini e molti altri ancora sepolti nel Famedio.

Grazie a Lodovico Malrivo

DSC_0018

Famedio

DSC_0024

DSC_0023

DSC_0002

DSC_0005

DSC_0011

DSC_0010

DSC_0013

DSC_0017

DSC_0026

DSC_0027

DSC_0034

DSC_0036

DSC_0037

Tomba di Giuseppe Sommaruga

DSC_0040

DSC_0055

DSC_0041

DSC_0042

Tomba di Arrigo e Camillo Boito

DSC_0050modi

Tomba della Famiglia Morgagni (opera dello scultore Enzo Bifoli 1929)

DSC_0049modi

DSC_0047modi

DSC_0051

DSC_0056

DSC_0052

DSC_0065

Edicola Bocconi DSC_0067

DSC_0068

DSC_0069

DSC_0072

DSC_0073

DSC_0075

DSC_0078

DSC_0081

DSC_0083

DSC_0096

DSC_0104

Tomba di Emilio Treves

DSC_0108

Tomba di Umberto Fabé

DSC_0106

DSC_0107

DSC_0112

DSC_0113

DSC_0114

Tomba di Isabella Casati

DSC_0116

DSC_0118

DSC_0119

DSC_0123

Edicola Bernocchi

DSC_0124

DSC_0127

DSC_0129

Edicola Korner, scultura di Adolfo Wildt

DSC_0131

DSC_0133

DSC_0134

Il Tempio Crematorio

DSC_0144modi

DSC_0148

DSC_0150

DSC_0152

DSC_0153

DSC_0155

DSC_0158

Tomba Toscanini

DSC_0157

DSC_0161

DSC_0164

 


The main author, creator and editor in chief of the blog.

Share this Article!

Trackbacks per le News

Contribuisci alla discussione, scrivendo il tuo Commento.