Museo Poldi Pezzoli, Milano

 

Quello che oggi è un museo, un tempo era la casa privata di Gian Giacomo Poldi Pezzoli (1822-1879). La sua attenzione all’arte e al collezionismo è precoce, accresciuta con i viaggi in Francia e in Inghilterra. E’ appassionato di armi antiche e, dal 1850, comincia ad acquistare anche dipinti del Rinascimento lombardo, veneto e toscano, alcuni di straordinario valore. Sono nella sua collezione, tutt’oggi visibili, dipinti di Botticelli, Bellini, Pollaiolo, Luini, Solario etc. Ha in mente sin da subito che la sua casa diventerà un museo e la apre volentieri a studiosi e collezionisti. Così quando muore, improvvisamente a soli 57 anni, celibe e senza eredi, aveva già deciso che la sua casa e tutte le opere in essa contenute divenissero una Fondazione Artistica “ad uso e beneficio pubblico in perpetuo colle norme in corso per la Pinacoteca di Brera”. Un pensiero sicuramente lungimirante e modernissimo.

Purtroppo però, tutto lo sforzo di Gian Giacomo è stato vano perché la casa fu quasi completamente distrutta dai bombardamenti aerei del 1943. Le decorazioni di fine ottocento volute dal proprietario, affidate ai più acclamati artisti-decoratori del momento, Giuseppe Bertini (1825-1898) e Luigi Scrosati (1815-1869) prevedevano una sequenza di ambienti ispirati a diversi stili del passato: lo scalone e la camera da letto sono in stile barocco, l’anticamera in stile rocaille francese, la Sala Nera “in stile del primo Rinascimento” e il Gabinetto di Studio “in stile del Trecento”. L’eclettismo, il revival degli stili e delle tecniche artistiche del passato, è in questo momento la moda d’avanguardia. Le sale divengono preziosi contenitori per antichi quadri, sculture, arredi e arti applicate. Rimangono solo belle fotografie d’epoca a mostrarci quello che doveva essere l’originaria decorazione.

Rimase integro in buona parte solo il gabinetto dantesco, un piccolo scrigno di arte eclettica, che fungeva da studiolo privato di Gian Giacomo Poldi Pezzoli, il quale qui teneva le opere più preziose delle sue raccolte di arti applicate. L’ambiente si ispira al Medioevo e a Dante, raffigurato negli affreschi e nelle vetrate dello stesso Bertini. Il resto invece è stato ricostruito e riadattato al meglio per ospitare la ricca collezione di dipinti che, almeno quella, è rimasta integra.

FONTI:

Official site museopoldipezzoli.it
Il Poldi Pezzoli è una delle quattro case museo di Milano, avevo già parlato della Casa Museo Bagatti Valsecchi qui.

Gabinetto Dantesco

gabinetto

DSC_0258

DSC_0260

DSC_0262

DSC_0257modi

DSC_0265

DSC_0266

DSC_0264

DSC_0268

DSC_0267

DSC_0271

DSC_0272modi

DSC_0275

Stanza da letto:

826_ri_001106

DSC_0256

DSC_0254

DSC_0252

DSC_0249

Sala nera:

8268_3a010_8268_1

DSC_0233

DSC_0237

DSC_0231

DSC_0238

DSC_0234

DSC_0243

DSC_0230

DSC_0247

Sala gialla (o degli stucchi):

3413_3a010_3413_1

DSC_0201

DSC_0202

DSC_0200

DSC_0204

DSC_0198

Scalone antico:

DSC_0191

DSC_0193

DSC_0192

DSC_0195

Armeria:

DSC_0186

DSC_0179

DSC_0180

DSC_0182

DSC_0184

Dipinti: 

8270_3a010_8270_1

DSC_0207

DSC_0209

DSC_0210

DSC_0214

DSC_0216

DSC_0217

DSC_0220

DSC_0224

DSC_0227

DSC_0187

DSC_0189

DSC_0190


The main author, creator and editor in chief of the blog.

Share this Article!

Contribuisci alla discussione, scrivendo il tuo Commento.