Antica Libreria Cascianelli, Roma

________________________________________________________________________________________
Dove: Largo Febo 14-16, Roma
Mail: libreriacascianelli@gmail.com
FB: Antica Libreria Cascianelli
IG: @libreriacascianelli

________________________________________________________________________________________________

Non ci sono più molti posti nel centro di Roma da scoprire per caso, soprattutto tra Piazza Navona e i suoi dintorni. Per i nostalgici di un Ottocento fané, che trovavano in via dei Coronari, la via degli antiquari, il loro piccolo paradiso di trouvailles, oggi la via deve sembrare un luogo anonimo. Non molto lontano, nella piazzetta di Largo Febo, di fronte al famoso Hotel Raphaël ricoperto d’edera, al flâneur che passeggia nelle vecchie viuzze può capitare di imbattersi nelle bellissime vetrine dell’Antica Libreria Cascianelli

Entrare per la prima volta genera grande stupore: siamo davvero in una libreria antica, di quelle un po’ magiche come se ne vedono nei film, con i libri foderati in pelle, le tele sul cavalletto, conchiglie, preparati anatomici in barattolo, bric-à-brac e curiose antichità di ogni tipo, tutto disposto in un meraviglioso ordine-disordine come in una vera e propria wunderkammer.
Il negozio nasce nel 1835 come sartoria ecclesiastica e fu poi convertito in libreria dalla famiglia Cascianelli nel 1909; oggi è gestito da Alessandro Lancia e Alfio Mazza insieme a Valentina La Rocca, con la collaborazione di Claudio Cascianelli, terza generazione dei proprietari. La peculiarità della libreria sta nell’aver mantenuto tutto il mobilio originale: le vetrine esterne sono mobili, grazie a dei binari sul pavimento possono essere arretrate, così da permettere ai portelloni di chiudersi (una volta, infatti, non esistevano saracinesche); all’interno gli scaffali in boiserie e in vetro soffiato ricoprono le pareti, una di queste è in realtà una porta segreta che dà accesso ad un altro ambiente e infine ad un salottino blu, utilizzato oggi come luogo per eventi. 

Non è facile per un negozio del genere restare aperto e infatti, a causa dell’avvento di Amazon e dello shopping online, qualche anno fa la libreria aveva rischiato di chiudere. Poi l’idea di vendere anche antichità, di farsi spazio disponibile per eventi (presentazioni di libri, piccole mostre, letture e disegno dal vivo, concerti  etc), di aprirsi insomma ad una serie di altre attività, ne ha lentamente permesso la salvezza. Di grande aiuto è stato l’intervento di Valentina la Rocca: avendo lavorato nel mondo del teatro e del cinema come scenografa, cura la comunicazione e si diverte ad allestire le vetrine della libreria con un tema diverso ogni mese, creando a tutti gli effetti delle vere e proprie scenografie dedicate ora all’oriente, ora agli erbari, all’anatomia, al mare, all’opera, agli animali, ai viaggi, etc. È tutt’oggi il successo della libreria: chi entra è attratto da quei mondi di carta e di oggetti evocati nelle vetrine. 

La libreria è sempre stata un luogo amato da scrittori e artisti: Sciascia era un habitué; qui sono passati attori come Manfredi, Oliver Stone, Mel Brooks e anche Greta Garbo; artisti come Luigi Ontani, Luigi Serafini e William Kentridge e vi sono state girate alcune scene di La famiglia Ricordi di Mauro Bolognini e ultimamente John Wick con Keanu Reeves. Da pochi anni la libreria è diventata anche un luogo alla moda: il direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele, amante del barocco e del gusto massimalista, la sceglie come set per la campagna Gucci Pre Fall 2017 e la inserisce nel progetto artistico digitale “Gucci Inspiration Map” e nei Gucci Places.

Saletta segreta:

Salottino blu:

Le vetrine:


Aesthete. Art historian & blogger. Content creator and storyteller. Fond of real and virtual wunderkammer. Founder and main author of rocaille.it.

Share this Article!

1 Commento a “Antica Libreria Cascianelli, Roma”

  • Carmelo

    Bellissimo, complimenti…

Scrivi un Commento a Carmelo