Palazzo dell’Acquedotto Pugliese di Duilio Cambellotti

 

Il patrimonio dell’art nouveau e decò italiano è ricco ma disperso. Paga lo scotto di essere frammentario e così rimane sconosciuto. Per questo mi sembrava doveroso dare visibilità alla mostra che si svolge nel Palazzo dell’Acquedotto di Bari , lontana dai più conosciuti circuiti delle mostre italiane, che ci fa scoprire un capolavoro liberty-decò dell’artista Duilio Cambellotti.

Duilio Cambellotti

I romani forse lo ricorderanno come decoratore di quel piccolo gioiello che è la Casina delle Civette a Villa Torlonia. Era in effetti un artista poliedrico, capace di spaziare dalla pittura alla ceramica al design di mobili. Fu anche scenografo e costumista per il teatro e lavorò per quarant’anni tra il Teatro Stabile e l’Opera di Roma, il teatro all’aperto di Ostia antica e il Teatro Greco di Siracusa, realizzando alcuni spettacoli memorabili come “La Nave” di Gabriele D’Annunzio del 1907. E a Roma aveva lavorato per la decorazione degli interni dei villini Bellacci (1908), Vitale (1910), Pallottelli (1922) e De Grossi a Castelgandolfo (1915). Nel 1917 inizia a lavorare anche nel cinema, realizzando scenografie, costumi e cartelloni per il film “Frate Sole”, “Gli ultimi giorni di Pompei” (1926), “La corona di ferro” (1941) e “Fabiola” (1949), un’esperienza che si concluderà nel 1948 con gli studi per i movimenti di scena del film “Il cielo sulla palude” di Augusto Genina.
Nel 1926 interviene per la prima volta nella decorazione di un edificio pubblico decorando le Sale delle bandiere a Castel Sant’Angelo a Roma.

Il Palazzo dell’Acquedotto Pugliese

E’ il 1930 quando gli viene commissionata la decorazione del Palazzo dell’Acquedotto Pugliese di Bari, un lavoro che lo occuperà per quattro anni. Cambellotti cura il disegno architettonico di alcune sale degli ambienti più rappresentativi del primo piano e dell’appartamento del Presidente al secondo e nei quali è autore della decorazione pittorica, dei pavimenti, degli arredi, completati dagli apparecchi di illuminazione, i tappeti e addirittura delle maniglie.
L’attenzione ai dettagli è estrema, piccole maniglie a forma di rondine stilizzata oppure intarsi in madreperla che rappresentano, con una sintesi tra decò e naive, un fiume che scorre. Il tema che percorre tutta la decorazione è infatti l’acqua, non solo come elemento naturale, ma anche come celebrazione della costruzione dell’acquedotto in Puglia. Cambellotti utilizza alcuni temi a lui cari come i cavalli, le fontane, il lavoro femminile e li adatta perfettamente al luogo prendendo ispirazione anche dal romanico pugliese.

La mostra “Duilio Cambellotti. Le grazie e le virtù dell’acqua” che si tiene proprio nelle sale del Palazzo dell’Acquedotto Pugliese è nata per celebrare il primo centenario dell’arrivo dell’acqua in Puglia (1915-2015) e come omaggio all’artista che decorò il Palazzo. Sono esposte oltre centoventi opere tra dipinti, disegni, illustrazioni, sculture come celebre monumentale “Fonte della Palude” e ancora ceramiche, terrecotte, vetrate, mobili e quaranta bozzetti preparatori eseguiti per il Palazzo dell’Acquedotto, in un susseguirsi di argomenti dedicati: la spiga e l’ulivo, le mille e una notte, il mondo della natura, la grazia delle donne, le virtù dell’acqua, gli stili e gli arredi. Per la mostra il Palazzo è stato finalmente aperto, poiché non era altrimenti visitabile, rendendo possibile confrontare studi e decorazioni effettivamente realizzate.

“Duilio Cambellotti. Le grazie e le virtù dell’acqua”
Palazzo dell’Acquedotto Pugliese, Bari
27 febbraio – 14 giugno 2015
Official site

Pictures sources:
mostracambellotti.it
facebook mostra Duilio Cambellotti
artribune.com
bari.repubblica.it

11018322_411194465728259_4280459091958398535_nSala del Consiglio

Duilio-Cambellotti-Palazzo-dell’Acquedotto-Pugliese-Sala-del-Consiglio-tela-parete-centraleAffresco dell’Acquedotto nella Sala del Consiglio

10271533_414476458733393_8262534247078513078_nAffresco dei cavalli nella Sala del Consiglio

Duilio-Cambellotti-Palazzo-dell’Acquedotto-Pugliese-Sala-del-Consiglio-stele-dellacqua

duilio-cambellotti-800x502Affresco della Sala della Corografia

gallery-Big-14

11046905_401243910056648_6965346690528698907_n

211618033-42072d10-2a7e-497c-8415-5abc0eaa02d0Anticamera del Presidente

Mostra_Cambellotti_Bari_22Particolare Anticamera del Presidente

Arredi in legno:

gallery-Big-34

gallery-Big-40

1513780_399111986936507_7134100183809238764_n

gallery-Big-29

11023816_399111970269842_5846731541387327893_n

PicMonkey Collage2

PicMonkey Collage1

PicMonkey Collage4particolare del tavolo della sala del Consiglio con disegno stilizzato di acquedotti e città, 1931-1932.

gallery-Big-39

copertina-pagine-small-4

10676341_414514242062948_5640788196329521953_nFonte della Palude

gallery-Big-37

Disegni e illustrazioni:

Duilio-Cambellotti-La-storia-delle-tre-sorelle-tav.-XX“Storia delle tre sorelle”, tavola XX de Le mille e una notte

Cambellotti_Bozzetto-per-dcorazione-parietaleBozzetto per l’affresco dell’acquedotto

PicMonkey Collage3

gallery-Big-32

11096475_414476718733367_5817905832827835840_oL’ulivo, 1920

11146528_418279038353135_4877509397551437894_n

 Illustrazioni per “La siepe di Smeraldo”, 1920


The main author, creator and editor in chief of the blog.

Share this Article!

Contribuisci alla discussione, scrivendo il tuo Commento.