Luigi Bompard (1879- 1953)

 

Luigi Bompard non fu un artista che si potrebbe dire rivoluzionario, lavorò sempre nel solco della tradizione italiana influenzata dallo Jugendstil e, per i primi tempi, il debito a Dudovich è altissimo, tanto che i due lavorarono insieme. Ad ogni modo mi ha molto colpito una serie di litografie che Bompard dedicò alla Fotografia, personalizzando tramite volti di donna le varie fasi dallo sviluppo alla stampa. Forse, questo, il lavoro più originale che fece.

Nato a Bologna nel 1879, da padre francese, Giulio, e madre italiana, Cesira Oppi, fu praticamente autodidatta. Forse fu proprio questa mancanza di un’educazione appropriata a determinare in lui un subitaneo interesse per gli stili europei, quello tedesco in primis, come si può vedere nelle prime locandine realizzate per la rivista L’Italia ride. Il Bompard comunque riuscì ad arrivare ad uno stile di alto livello, se pur non personalissimo, come si può vedere nella litografia La Rugiada (in Novissima, V [1905]). Sicuramente fu un buon rappresentante del liberty italiano nell’illustrazione e nella grafica, sperimentò anche la pittura ed espose il dipinto “Sensazione” alla VI Biennale veneziana (1905).

Riportando ciò che ho trovato nella voce della Treccani.it, dopo aver lavorato nella rivista Illustrazione italiana, il Bompard “si era adagiato in una convenzionale maniera illustrativa priva di ogni mordente; e se altre opere, contemporanee o di poco posteriori, quali le tavole per La conquista del polo Sud di E. H. Shackleton (1909) o le Tre Grazie (del 1912, esposte a Milano alla V Esposizione dell’Associazione degli acquarellisti lombardi), mostrano una più meditata ricerca formale, le intenzioni e gli esiti non sono mai tali da determinare un giudizio sostanzialmente nuovo”.
Frequentò parecchio Parigi, dove espose al Salon d’Automne del 1909. Conobbe gli italiani Cappiello e Boldini da cui fu chiaramente influenzato nella ripresa di temi del bel mondo per la pittura. Quando scoppia la guerra è ancora nella capitale francese dove seguiva per L’Illustrazione italiana e l’Illustration française il processo Caillaux. In seguito si spostò a Milano e infine a Roma dove continua a lavorare per giornali come per riviste specializzate quali “Il Travaso delle idee”, “Noi e il Mondo”, “Il Giornale della Domenica”, “La Tribuna”, “La Voce d’Italia”, “Il Corriere dei piccoli”, “Marc’Aurelio”, “Guerin Meschino” e romanzi di cui crea anche le copertine.

Sono di questo ultimo periodo una serie di ritratti di personaggi famosi come Mascagni al pianoforte, Puccini alla scrivania e anche un piccolo ritratto di d’Annunzio che è riemerso solo recentemente nelle collezioni del Museo Caproni e che è stato esposto per la prima volta alla mostra “Gabriele d’Annunzio aviatore” al Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni di Trento. Una volta a Roma si impegnò nel dipingere grandi ritratti ad olio come quello a Luciano Zuccoli, Emma Gramatica e Lyda Borelli di cui però non ho trovato immagini online. Tra gli ultimi lavori i pastelli della serie delle Femminilità e soprattutto la serie delle Danzatrici. Morì a Roma il 24 febbr. 1953.

Info: treccani.it; luigibompard.com

SC294258

La Fotografia, Cover postcard for the series Photography, about 1900 via

SC294259

L’obiettivo (The objective) 1/6 postcard for the series Photography, about 1900 via

SC294257

 Lo sviluppo (Development) 2/6 postcard for the series Photography, about 1900 via

SC294262

La camera oscura (The darkroom) 3/6 postcard for the series Photography, about 1900 via

SC294260

La Positiva (The Print) 4/6 postcard for the series Photography, about 1900 via

SC294261

La Negativa (The negative) 5/6 postcard for the series Photography, about 1900 via

SC294256

La Stampa (The press) 6/6 postcard for the series Photography, about 1900 via

SC294150Sciopero!, postcard via

PicMonkey Collage6

Italia Ride 1900 Roma – Archivi delle Arti Applicate del XX secolo via

bompard_nanni

Mortadella Flli Nanni Bologna. Saver e Barigazzi Bologna via

PicMonkey Collage3

Le Rose, “Novissima” 1903; Pubblicità delle Pastiglie Paneraj “Novissima”, 1904 via

PicMonkey Collage2

L’Emilia Assicurazione 1901, Collezione Salce Treviso; Figura femminile, Novissima” 1903 via

cache-cache_194d8721736f745d388d69d112de08bc_3a7e9ac921789817b3271e2f9925ac65

La Rugiada, “Novissima” 1905 via

cache-cache_194d8721736f745d388d69d112de08bc_bd202535d08b17e6b1ea0ae7034bc5e7

Amore, “Novissima”, 1904  via

cache-cache_194d8721736f745d388d69d112de08bc_3df2c5b166eb825571ea99e41f623cf1

Schumann “Erster Verlust” (Primo Abbandono), “Novissima” 1903 via

illit_0003

Caino e Ada, atto II del Caino, tragedia lirica di Carlo Zangarini

Luigi-Bompard-Ritratto-di-Maria-Luisa-Astaldi-pastello-su-cartoncino-Udine-Collezione-Astaldi

Ritratto di Maria Luisa Astaldi, pastello su cartoncino. Udine Collezione Astaldi

PicMonkey Collage5

Ritratto di d’Annunzio, 1914, Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni Trento via ;
“Attrazione” anni ’20, matita e acquarello su carta via ;
“Camicia nera ?” 1922 via

utabnX

Postcard with Portrait of Emma Grammatica by Bompard, 1902

PicMonkey Collage4

a photo and selfportraits of Luigi Bompard  via


The main author, creator and editor in chief of the blog.

Share this Article!

Contribuisci alla discussione, scrivendo il tuo Commento.