SANCTUARY: tra bellezza e decadenza.

E’ stato lo stesso Gregory Crewdson  a presenziare l’apertura della sua mostra fotografica “Sanctuary” il 3 febbraio pomeriggio alla Gagosian Gallery di Roma.

Fino al 5 marzo rimarranno esposti nella grande sala bianca i quarantuno lavori fotografici, tutti in bianco e nero e solo in minima parte postprodotti digitalmente.

Si tratta di scatti ripresi negli studi cinematografici di Cinecittà, durante le riprese della serie televisiva americana “Rome” , dove Crewdson ha lavorato nel 2005.

Dopo l’ultima serie Beneath the Roses (2003-2007), in cui aveva catturato il malessere della desolata provincia americana, l’artista ritorna con i suoi grandi spazi, ma questa volta elimina qualsiasi presenza umana e rende tutto bianco e nero, per una sensazione finale di totale abbandono.

Sanctuary mostra i momenti morti del set, quando lo scenario sta ormai decadendo; luoghi surreali che, mentre li guardiamo, non esistono già più e che in fondo non sono mai esistiti.

I set non sono qui solo dei fondali, ma diventano protagonisti, trasformandosi in paesaggi muti in cui l’essere umano c’è stato ed è sparito, lasciando solo qualche traccia.

La strada infestata dall’erba alta, gli archi che nascondono altri archi, un piccione che si riflette nell’acqua, il tempio attraversato da un raggio di luce e le rose appassite vicino ad una fontana, rendono  l’illusione tale da ricordare quasi le atmosfere sospese della Roma mitica di Lawrence Alma-Tadema.

Soltanto in un secondo momento ci accorgiamo delle case anni settanta in lontananza, le impalcature che reggono i fondali e il pacchetto di sigarette a terra.

Le rovine (finte) del mondo romano si confondono con le rovine (vere) degli scenari artificiali per creare una confusione tra realtà e finzione .

L’artista ha detto : “In queste immagini attingo alla calma ed al mistero che avvolgono i set cinematografici abbandonati. Come in gran parte del mio lavoro, ho osservato l’indefinita linea di confine fra realtà e finzione, natura ed artificio, bellezza e decadenza.”

Crewdson ci mostra ciò che resta  del set dopo il film, ci mostra gli scarti.

Gli oggetti che rimangono, gli scenari di cartone e di legno, diventano testimoni di quel che è stato e ora è  destinato a sparire.

Queste fotografie li consacrano alla memoria e, salvandoli dalla scomparsa, li trasformano in Santuari.

Lisa.

(pictures and info via gagosian gallery)


The main author, creator and editor in chief of the blog.

Share this Article!

Contribuisci alla discussione, scrivendo il tuo Commento.